Spalla (anatomia)

La spalla, più propriamente chiamata cingolo scapolare o cingolo toracico, è la parte dell’organismo umano tramite la quale l’arto superiore, si unisce al tronco e con esso si articola. Le due spalle formano un kua, uno dei digrammi del corpo: sono un punto di restringimento cruciale per il corretto e fluido scorre dell’energia vitale, il qi.

A volte le spalle possono essere rigide e fare realmente male. Purtroppo non è infrequente che le persone lamentino anche dolori e immobilizzazioni delle scapole, il sostegno dell’articolazione scapolo-omerale che permette gli amplissimi movimenti in ogni direzione di questa articolazione.

Seguendo il linguaggio del tao e della medicina cinese, ci sono molteplici cause per queste sindromi dolorose:

penetrazione di patogeni: soprattutto vento e freddo. La penetrazione può essere dovuta al clima esterno sfavorevole oppure ad uno sbalzo termico a causa, ad esempio, all’aria condizionata. Il freddo può penetrare nei canali che irrorano la spalla; di solito il dolore va e viene, si sposta ed è variabile nell’intensità. Può peggiorare in giornate fredde o se nuovamente esposti a ventate o aria condizionata.
stasi di sangue: evento generato in seguito a trauma, è un vero rallentamento della circolazione in alcuni punto che crea congestione e dolore. Anche un uso estremo della spalla in maniera continuativa (dovuto ad esempio a performance sportiva) può portare al rallentamento ed alla stasi. Il dolore conseguente è acuto, profondo e localizzato. Può acuirsi in alcune posizioni supine, come ad esempio durante il sonno.
schiacciamenti vertebrali a livello cervicale: i dermatomeri che innervano la spalla e il braccio partono dalle cervicali e dalle prime 2 vertebre toraciche. Avvicinamenti e schiacciamenti in queste zone possono provocare dolori ed immobilizzazioni dell’articolazione. In questo caso, possono esserci scosse alle dita, al gomito ed al polso.
disequilibrio organico: i meridiani e gli organi interni hanno una correlazione. Irrigidimento della spalla, a seconda del punto di maggiore immobilizzazione, possono essere dovuti ad affaticamenti di fegato, cistifellea, polmoni o intestino crasso.

Occorre identificare la causa corretta del dolore scapolare, per procedere nella maniera il più efficace. Ad esempio, in caso di stasi di sangue è molto indicata la coppettazione o il pettine cinese. Nel caso di coinvolgimento organico, il massaggio e la dieta sono indicati.

Una sequenza personalizzata di qi gong, da praticare ogni giorno, è sempre una grande terapia integrativa.

Si ricordano tutte le 9 perle: spalla – gomito – polso, anca – ginocchio – caviglia, 3 punti sulla colonna vertebrale.