Fuoco

L’elemento Fuoco è l’elemento che corrisponde al pieno yang. E’ possibile dividere il Fuoco in Imperiale e Ministeriale: al Fuoco Imperiale corrispondono Cuore ed Intestino Tenue, a quello Ministeriale Pericardio e Triplice Riscaldatore.

Il suo movimento è ascendente. La stagione l’estate, quando c’è più caldo e la natura è alla massima espressione della sua forza. Da ricordare che nel massimo yang occorre scorgere il seme dello yin: proprio in estate, infatti, le giornate diventano più corte.

Il pianeta corrispondente al Fuoco è Marte. Serpente (maggio), Cavallo (giugno) e Pecora (luglio) sono i Rami Terrestri di questo elemento. Il trigramma è Kan, il Fuoco. La direzione è il Sud, l’animale protettore è la Fenice, il colore il Rosso.

Anche se questo è l’elemento più yang, occorre conoscerne due aspetti: il Fuoco che brucia e divora ogni cosa come un incendio, oppure quello che illumina una stanza o riscalda la casa come la candela od il focolare.

I tratti della costituzione Fuoco sono da ricondurre a persone passionali, ricche di vita, coinvolgenti, dinamiche ed espressive. Una delle sfide della costituzione o tipologia Fuoco è quella di condividere e portare Allegria e Gioia senza voler ottenere nulla in cambio. Le persone appartenenti a questa loggia possono anche essere dure, scontrose, permalose, egocentriche e vanitose.

L’emozione del Fuoco è l’Amore, la Gioia. Quando l’elemento è equilibrato, queste nascono spontaneamente e sono coinvolgenti: la qualità delle Virtù che si coltiva nel Sorriso Interiore. Altre emozioni legate all’elemento sono l’irritazione, la fretta, la frustrazione, l’impazienza, l’avidità.

Chi ha molto Fuoco si può vedere dal tratto appuntito del mento o delle dita dei piedi e mani, dalla presenza di uno sterno sporgente e rialzato e dalla parlantina veloce. A volte persone dominate da questo elemento possono avere problemi al Cuore (sia fisico che emotivo) e problemi di assorbimento intestinale (allergie, intolleranze, parassiti).

Il sapore corrispondente al Fuoco è l’amaro, come le cose bruciate (caffè, te, mate, ecc) o semplicemente amare (cicoria, carciofo, rapa, luppolo).

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

12 + 1 =