Come sopra, così sotto: denti e piedi alla radice del dolore

Tra il Cielo e la Terra c’è relazione, così come tra Testa e Piedi.

O tra Piede e Denti; e come tra Terra e Cielo c’è l’Uomo, tra Piede e Denti c’è la colonna vertebrale, che fa comunicare i due poli e ci può parlare anche attraverso il linguaggio del dolore, quando manchi l’allineamento.

Relazione tra alto e basso

C’è una relazione molto stretta tra occlusione dentale ed appoggio  podalico, che si può osservare sulla colonna: se la mandibola avanza (fino, all’estremo, a portare i denti inferiori davanti a quelli superiori) il corpo acquisisce un equilibrio nuovo spostandosi all’indietro, accentuando di conseguenza la curva plantare. Il viceversa accade se la mandibola si muove verso l’occipite (succede spesso in caso di respirazione orale): il peso corporeo si sposta in avanti creando un crollo dell’appoggio plantare con conseguente valgismo o piede piatto. In questo caso anche la lingua crolla sul palato inferiore per consentire il passaggio dell’aria.

dentatura equilibrata

Al contrario, dal basso, nel caso in cui un qualsiasi segnale neurale incongruente crei pressioni mutevoli a livello dei piedi, il Sistema Nervoso interpreterà tali differenze di pressione come un reale cambiamento nella posizione delle vertebre della colonna, rispondendo automaticamente agli stimoli e modificando l’appoggio di tutto il sistema vertebrale al di sopra dei piedi stessi.

Da osservare l’importanza della posizione dell lingua in questa valutazione: la posizione postulare più naturale della lingua è poggiata al palato superiore, così da sorreggere il cranio e rilassare la gola. Anche persone che camminano con la testa in avanti hanno un problema di collasso della lingua che si ripercuote sulla morfologia della colonna e sull’appoggio plantare

Una cattiva occlusione dentale porta al dolore della schiena

La condizione essenziale per poter esprimere attività muscolare di qualità, come nel movimento armonico ed inesorabile del tai chi chuan o nel movimento consapevole ed equilibrato del qi gong, è che i segnali che arrivano al cervello dal corpo siano chiari, senza essere alterati da input visivi, vestibolari o dentali che interferiscano con  l’equilibrio cinetico. Questa qualità si chiama, nella pratica interna, allineamento: anche attraverso queste accortezze passa la nitidezza dell’intenzione (Potere Yi). 

La modifica posturale che viene da sotto (i piedi) o sopra (i denti), una volta intervenuta, può durare nel tempo e nel tempo essere asintomatica per poi improvvisamente manifestarsi in sindromi dolorose a carico dell’apparato muscolo-scheletrico della schiena (e non solo). L’evoluzione di questa situazione può sfuggire ai sensori del dolore anche per molti anni… ma alla fine il dolore arriva.

Cosa fare per ripristinare l’equilibrio

Un utile strumento per risolvere le manifestazioni dolorose in ogni punto del dorso o dei lombi è il “qi gong dei denti”: una forma poco conosciuta che rilascia l’articolazione tempero-mandibolare, allinea i denti e le ossa craniche utilizzando dei supporti esterni per la pratica. Si inserisce nella serie di insegnamenti del “Tao dello shen” per contattare, attraverso i denti, l’energia degli antenati.

Un’altra opportunità quando la schiena fa male è il massaggio Tao: si valuta innanzitutto l’appoggio equilibrato del piede a Terra, svelando la radice del dolore che a volte può essere in un punto lontanissimo dal dolore stesso, come per esempio nella bocca. Le manovre di allineamento sottili, delicate  e precise sono basate sull’ascolto e sulla naturale capacità del corpo di autoguarirsi. Come quando si sanguina ed il corpo, da solo, conosce la Strada per riparare la ferita. Ed ecco che, recuperato l’allineamento, il dolore si attenua e finalmente scompare.

Il massaggio TAO è anche utile in fase preventiva, per individuare disequilibri a carico del sistema temporo-mandibolare e riportare armonia prima che il dolore si manifesti.

A volte, serve solo una spinta leggera nella direzione giusta, come un amico che ti prende per mano quando sei caduto. Come un amico che mette pace tra due altri amici che non parlano più da tempo: in questo caso, i piedi e la bocca. E quando non parlano, la schiena fa male.

Ma ancora per poco: buon massaggio!

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

17 − 12 =