Sognare per svegliarsi

Le pratiche del sogno sono solo il metodo di comprendere meglio la veglia.

Quando si è svegli…. si sogna, esattamente come quando si dorme: lo stato di consapevolezza della mente è lo stesso. Sognare od essere svegli significa allo stesso modo fare esperienza e cambiare… oppure rimanere i soliti vecchi se stessi.

Sognare è uno dei metodo più veloci ed evoluti di raffinazione dello shen. Permette di assaporare il proprio percorso personale e farlo diventare comprensibile. Tramite il potenziamento dello Hun (soprattutto dovuto, in questo caso, ad un buon funzionamento della cistifellea che libera il potere della visione) si scopre il significato del flusso della propria vita.

E’ quello che da più di un secolo fanno gli psicologi freudiani, interpretando i sogni. Ma la pratica personale va oltre, superando il ruolo dell’intermediario (lo psicologo, appunto) e liberando tutto il potenziale della comprensione diretta del vissuto nel sogno.

Chen Tuan, maestro taoista vissuto intorno all’anno 1000, era conosciuto come un grande conoscitore delle pratiche del sogno. Fu anche consigliere dell’imperatore: ogni qualvolta questi gli rivolgeva un quesito, lui si ritirava per dormire (a volte anche diversi giorni). Si svegliava sempre con la risposta.

Ma la parte più proficua del sonno è proprio quella in cui non si sogna: indisturbati dalle fantasie e dai fantasmi sia del giorno che della notte, si giace nella luce naturale della consapevolezza. Questa fase benefica e ristoratrice non viene ricordata dalla maggior parte delle persone. Ma è un’applicazione delle tecniche di “sedere nella dimenticanza”, tipiche dell’alchimia interiore.

Infatti il lavoro di Shen aiuta a far coincidere la volontà di quest’ultimo con Ming, la Vita. Essa è il destino che le persone, giorno dopo giorno, possono realizzare (trovando la Pace) o possono fuggire (continuando la propria sofferenza, opponendosi al flusso delle cose).

Anche questo è il wu-wei, la famosa azione-senza-azione del Tao.

Dormire, in fondo, non è molto diverso che scendere nello stato della meditazione. Significa quietare la mente. Ecco perché molti non ricordano i propri sogni: perché non sono in grado di ascoltare il silenzio… soprattutto quello interiore.

Ma sognare è soprattutto… svegliarsi: trovare la soluzione al mistero semplice della vita, comprendere il significato del cambiamento… senza subirlo.

E gioire di tutte le cose, anche quando si vive la giornata.