Ming e Xing: la Vita e la Natura

 

 

Nel Taoismo, soprattuto nelle strade di alchimia interiore, si parla spesso di questi 2 concetti: la Vita (quella mondana e quella eterna) e la Natura (quella della Mente offuscata e quella originale). Vita e Natura sono un duale.

Coltivare insieme la Vita (ming, 命) e la Natura Originale (xing, 性) è l ‘essenza dell’insegnamento.

Se si coltiva la Vita da sola, il corpo si mortifica e si ammala; se si coltiva solo la Natura Originale,le virtù rimangono incomplete . Quindi va bilanciata la pratica interna con quella esterna.

All’esterno, occorre portare l’azione chiara e gentile. Gentilezza in ciò che si dice, si percepisce e si compie. Quando si presta attenzione a cosa accade, allora ogni cosa diventa chiare e si può indirizzare l’Intenzione (Yi).

All’interno, va dissolta ogni idea ed ogni forma: l’esercizio per coltivare all’interno non potrà mai essere realmente compreso se ci si arresta alla forma. Quando ci si aggrappa anche ad un granello della forma, il Fuoco non può bruciare nello yang, ed il corpo non riesce a purificarsi.

Quando accade che si coltivano insieme Vita e Natura, si rivela che questa fusione porta all’inversione del Cielo e della Terra: significa tornare come bambini, meravigliarsi e conoscere la Verità nel flusso della Libertà.

Nel Corpo che vive in salute, nella Mente chiara e colma di grazia, nello Spirito sereno.

Questa è la Vita Semplice.

 

 

Condivisioni

Comments 1

  1. Giudicarsi significa “aggrapparsi alla forma” e
    non permette al Fuoco di bruciare.
    E’ quando il corpo è bloccato o pur muovendosi segue un percorso non naturale. Non si vive ciò che si è.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cinque + diciassette =