Il massaggio TAO: rilasciare il tessuto connettivo

Parlando del ritorno… il ritorno è una gran cosa. Come in un labirinto, che la sfida è raggiungere il centro, ma l’altra metà della sfida è tornare indietro. Che poi in fondo un labirinto è una linea retta. Il punto è capire il momento e da quale posizione iniziare a tornare.

 

Quando si comincia una sessione di massaggio Tao, per prima cosa si ascolta il corpo del paziente, per capire quali sono i punti che sono andati troppo avanti, quelli che son rimasti eccessivamente indietro.

Nel corso della sessione, si equilibra questa condizione e si crea una unità che permette al corpo di muoversi alla velocità dell’intento. E’ uno strumento per tornare. Per infrangere l’immagine del movimento che si crede sia autentico, ma è solo un velo attraverso il quale diventa sempre più difficile guardare, col tempo.

E quando questo velo viene infranto sorge il potere Yi, l’intenzione consapevole, che viene utilizzata da chi esegue il massaggio per indirizzare il qi e per lasciare andare, ma diventa un’esperienza iniziatica per chi riceve il massaggio ed entra (spesso per la prima volta) in contatto con questo tipo di forza-senza-forza.

E’ il meccanismo di rilascio del tessuto connettivo , una fibra elastica che avvolge amorevolmente tutto il corpo e lo tiene unito. E’ il reale segreto dell’Unità fisica, della continuità del movimento, del rimanere giovani ed in salute. Il massaggio Tao stimola profondamente questo tessuto fondamentale, rilasciando le eventuali adesioni dovute a traumi o atteggiamenti posturali e permettendo di riconquistare una condizione di equilibrio più vantaggiosa per il sistema corpo-mente-spirito.

Nel taoismo viene insegnato che ogni cosa è in movimento: chi è saggio coglie in questo la radice dell’impermanenza. L’essenza del movimento è la quiete, nel senso dell’abbandono della sovrastrutture della mente e dell’inconscio, che accumulano gli strati emozionali e spirituali in punti che, in ultima analisi, non sentiamo più, ed è come non averli. E son punti di blocco, accumulo, od estrema debolezza, che comunque vengono by-passati dai meccanismi di aggiustamento del corpo, che ha una sua propria intelligenza ed anche una sua propria, deliziosa, stupidità.

Proprio come noi, i padroni del corpo, gli schiavi della mente.

Libertà per tutti.

Usare, smettere di consumare.

Anche i momenti.

Scopri come il massaggio TAO sia un supporto per stare bene con il proprio corpo e sviluppare la propria spiritualità.

3 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

8 − 1 =