Pericardio

Il pericardio: dal greco περί (perì) che significa intorno al cardio, è una sottile membrana di origine mesodermica che circonda il cuore. E’ una struttura spessa circa 20 µm, costituita da due strati: fibroso è lo strato esterno; sieroso è lo strato interno che aderisce perfettamente a tutte le insenature del cuore. E’ una sacca posta a protezione dell’organo. La medicina occidentale non gli riconosce la funzione di organo, la medicina tradizionale cinese si. L’orario di massima attivazione di questo organo è tra le 19 e le 21, il suo colore il rosso.

Il Pericardio, infatti, fa parte della loggia del Fuoco: è un Fuoco Ministeriale. Anche a livello psicologico, questo organo è una protezione del Cuore, il Palazzo delle Emozioni: si dice che quando il Cuore è tranquillo allora la Mente può indirizzare chiaramente la sua Intenzione (Potere Yi). Le 7 emozioni sorgono spontaneamente nella vita, ma il Pericardio si prende buona cura della pace del Cuore.

Il Pericardio è chiamato sia “la rete che protegge il Cuore” che “colui attraverso il quale il Cuore comanda” (la funzione Ministeriale). Protegge e fa passare gli ordini affinché siano intellegibili per il resto del corpo e possano venire esauditi.

Questo organo prende, infine, il nome di Mastro del Cuore, nel senso che porta all’esterno le funzioni dello shen, mentre il Cuore custodisce lo shen. Essendo protetto da ogni tipo di disturbo, il Cuore può svolgere il suo lavoro di comando. Quando il disturbo patogeno fisico o psichico supera il Pericardio allora lo shen è disturbato e sorge la malattia.

Una funzione fondamentale del Pericardio è il veicolo del Fuoco verso il basso, verso i Reni e la Porta della Vita (Ming Men): grazie al tramite di questo organo si accende e rimane vivo questo “piccolo fuoco” (vitale per la sopravvivenza ed il benessere complessivo dell’individuo).

I meridiano di Pericardio comincia al centro del petto, emerge in superficie sulla parte esterna del capezzolo, Sale leggermente per avvolgersi intorno all’ascella e scende lungo il centro del bicipite del braccio (è bilaterale come gli altri meridiani). Alla piega del gomito prosegue sul tendine del bicipite ed al centro dell’avanbraccio. Incrocia il centro del palmo dove si trova PC-8 (Lao Gong) e termina sul bordo ungheale esterno del medio.

Condivisioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

due × tre =