1

Milza

La milza è un organo pieno (zhang) e un organo linfoide secondario. Nella medicina occidentale quest’organo facilmente viene asportato: non è considerato necessario alla sopravvivenza. Nel Tao, la Milza è l’elemento Terra, il centro. ciò che sostiene e dà forma. Fa parte del livello Tai Yin, il primo dello strato interno. L’orario di massima attivazione dell’organo è tra le 9 e le 11 del mattino.

E’ un organo grande più o meno come un pugno che si trova dietro lo stomaco e sotto il diaframma. La sua funzione fisiologica ho poco a che vedere con la digestione (cui si incaricano stomaco e pancreas, sempre di questo elemento) ed è invece relativa al sistema linfatico e circolatorio. Produce e conserva i globuli bianchi e si occupa dello smaltimento dei globuli rossi. E’ come se fosse un grosso nodo linfatico che si occupa della pulizia del corpo: infatti nel Tao questo sistema si lega alla milza.

Invece le sue funzioni energetiche sono:

  • trasportare e trasformare: il cibo ed i liquidi vengono trasformati in sangue e qi. Quando la milza è in equilibrio la persone è di buon appetito, di facile digestione e di radiante vitalità. Al contrario sorgono fatica, diarrea, gonfiore, reflusso gastrico. Inoltre trasporta l’umidità e se ne libera: questa può portare a ritenzione idrica o solidificazione di parti non necessarie (cisti, tumori) o semplicemente pensieri ricorrenti e poca agilità nei movimenti.
  • controllare il sangue: significa che lo mantiene nei vasi. è la funzione dellaTerra. Quando questa è fuori equilibrio è facile che ad ogni colpo si formino abrasioni o sanguinamenti sottocutanei. Anche problemi di coagulazione sanguigna son imputabili a questa funzione.
  • controllare i muscoli: ancoraTerra, riguarda la forma corretta (zheng) delle fibre muscolari e degli organi interni e del tessuto connettivo che li ricopre. Per quasi ogni forma di rigidità posturale o prolasso è utile lavorare con la milza per il rilascio della fascia, l’eliminazione dell’umidità attraverso l’idratazione e l’irrorazione sanguigna che trasportano via ciò che è stagnante.
  • aprirsi nella bocca e manifestarsi nei denti: le labbra sono un buon indicatore della qualità della digestione e della funzionalità energetica della milza. Umide e rosate in buona salute; secche, screpolate, pallide o molto rosse indicano freddo o calore (ed umidità). Il senso del gusto è ancora indicatore di buona salute della milza: distinguere i sapori è equilibrio, avere sapore amaro in bocca oppure non essere in grado di dire cosa si mangia è segnale di disequilibrio.

Una milza poco equilibrata può portare ad umidità mentale: pensiero ricorrente, resistenza alle trasformazioni, ansia, vischiosità ed immutabilità dei sentimenti.

Il meridiano di milza inizia nel bordo ungheale esterno dell’alluce, segue il bordo interno del piede e passa davanti al malleolo interno; percorre la superficie interna della gamba e della coscia, devia verso l’esterno arrivando all’estremità laterale della piega inguinale; raggiunge quindi la linea mediana anteriore in corrispondenza del vaso di concezione e sale al centro; quindi si divide dirigendosi obliquamente; dopo un brevissimo decorso verticale si medializza di nuovo sino a toccare nuovamente la linea mediale ed a giacere sul Vaso; si dirige di nuovo lateralmente lungo la superficie del torace sino al bordo inferiore della 10 costa, risale verso l’esterno, ponendosi dalla linea mediana anteriore, sino al 3° spazio intercostale (M-21). Il percorso può essere seguito chiaramente in figura.

Condivisioni

Comments 1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

12 − 7 =