I 5 Elementi e le Emozioni

Nella medicina cinese si considera il corpo come un tutto unitario. Per studiarne l’unità di funzionamento, lo si divide in cicli funzionali che sono tra loro in relazione. La dialettica continua separando ogni ciclo funzionale in un organo (zhang, che è yin) ed un viscere (fu, che è yang). Ogni coppia zhang – fu è associata ad uno dei 5 elementi.

-

Al Fuoco si lega la coppia cuore – intestino tenue, ma anche la coppia pericardiotriplice riscaldatore.

All’elemento Terra si lega la coppia milza – stomaco e pancreas.

Al Metallo si lega la coppia polmoneintestino crasso.

All’Acqua si lega la coppi renivescica.

Al Legno si lega la coppia fegatocistifellea. Al legno

Le cause di malattie si dividono in esterne ed interne. Le cause esterne sono legate ai fattori climatici che creano disequilibri nello yin-yang: il calore, il fuoco, il freddo, l’umidità, il vento e la secchezza. Le cause interne sono legate ai fattori emozionali che portano anche esse disequilibri: ogni emozione in particolare si accumula in un organo specifico, o meglio in una coppia zhang – fu. Si può osservare nel cuore l’euforia, nella milza la preoccupazione, nei polmoni la tristezza, nei reni la paura e nel fegato la rabbia.

-

Imparando a riconoscere ed a dividere le emozioni in base ad i nostri organi, impariamo ad identificarle e finalmente a conoscere l’influenza che esse esercitano sulla nostra vita. Una volta che se ne vede l’effetto, è più facile scegliere quando sia costruttivo utilizzare un’emozione lasciandosene trascinare e quando, invece,  questo sia dannoso per la crescita personale e per la vita.

Esistono delle tecniche per riciclare le emozioni negative immagazzinate negli organi (che si presentano a livello fisico come addensamenti sui tessuti fasciali degli organi corrispondenti): i Suoni che Curano permettono di contattare l’emozione, liberarsene energeticamente ed agire contemporaneamente sul livello fisico grazie alla vibrazione generata dall’emissione del suono corrispondente. L’organo vibra internamente, il tessuto fasciale viene rilasciato: il risultato è che si sta meglio, più leggeri e felici.

Tutto questo, nel Tao, si dice che unifica la Vita con la Natura. E’ quello che puoi sperimentare nel seminario del Tao delle Emozioni.

Si abbandona qualcosa, come un peso che esce dalla vita e fa spazio al nuovo che arriva: magicamente, ci si accorge del cambiamento delle cose che si hanno davanti tutti i giorni.

Si conta sull’esperienza: grazie ad essa, nella vita e nella pratica si fanno enormi passi avanti: si rimane in movimento.

Da soli ed, anche, insieme a tutto il proprio mondo.

Condivisioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *