L’elisir alchemico nel Tao

L’alchimia interiore taoista è basata sul concetto di elisir. Distillare e trasformare per arrivare all’essenza.

La visione achemica è una metafora che, tramite il parallelo alla cosiddetta alchimia esteriore utilizza gli stessi strumenti e metodi (il sigillo, il calderone, gli ingredienti, ecc) trovandoli nel corpo. Un linguaggio, che identifica alcuni precisi fenomeni e ne fa la guida per il praticante.

Tutto parte dl concetto di dan, l’elisir. Lo stesso dan che si trova nell’ideogramma di dan tian. Infatti il campo che si coltiva nell’addome inizialmente è vuoto. Solo scavando si può arrivare alla scoperta dell’elisir. Il dan, il cinabro, è un minerale (sulfuro di mercurio) dal quale si può estrarre il mercurio. Mercurio e piombo sono gli ingredienti che vanno armonizzati e stabilizzati.

Il significato di dan è essenza, la realtà, l’elemento fondante. L’ideogramma contemporanea significa anche rosso, che il colore di questa pietra. Si trova in Cina ed in pochi altri posti nel mondo (tra i quali, l’Italia, l’Egitto e la Spagna). La sua prima apparizione in un testo cinese sembra risalga al II secolo prima di Cristo. Sono testi filosofici, ma che raccontano già i processi ed i metodi: infatti l’alchimia per la realizzazione dell’elisir è un processo di meditazione per la trasformazione individuale.

Sulla strada alchemica si incontrano molte possibilità: infatti è possibile indirizzare la propria pratica per raggiugnere vari poteri. Si può apprendere la levitazione, l’invisibilità, la chiaroveggenza, le capacità di guarigione… tuti questi vengono chiamati i poteri inferiori.

Di contro, esiste un solo potere supremo: si chiama “realizzare la natura del Tao in ogni granello di polvere”.

E’ un lavoro lungo e faticoso. E’ un lavoro anche divertente, da fare con il sorriso.

Il Sorriso Interiore.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

otto + tredici =