Curare la spalla per prendersi cura: mese dell’intestino tenue

Luglio nel calendario lunare cinese è il mese in cui termina l’estate e ci si avvia verso l’autunno. E’ dedicato all’intestino tenue che vede molti dei punti di passaggio del suo meridiano sulla spalla e scapola.

L’articolazione più delicata e complessa: la spalla. Essa ha un osso esterno  (la scapola) che ne sostiene la corretta posizione e le più ampie possibilità di movimento del corpo umano. Questa sua opportunità nasconde anche un’insidia; infatti in molte persone la spalle è disassata ed in posizione non fisiologica (spostata in avanti od indietro). Libertà… significa anche sbagliare! E gioiosamente riprendere il proprio cammino con più consapevolezza.

Il radicamento e la forza delle braccia sono determinati dalla spalla. In particolare la loro forza è determinata da un punto di intestino tenue: IT-9 (jia zheng – spalla dritta). Quando questo è equilibrato , esse sono spinte all’indietro e basse. Le scapole sono vicine alla colonna vertebrale ed la loro punta inferiore è orientata naturalmente verso il sacro. Quando le spalle si muovono verso avanti o verso dietro, esse irrigidiscono la schiena ed il collo lasciando sporgere la scapole (che si dicono alate).

Si comincia a capire l’importanza delle scapole nel corretto posizionamento ed utilizzo dell’articolazione della spalla. Sulla scapola passa il meridiano di intestino tenue. Esso è legato al Fuoco ed all’apertura del Cuore, manifestata dal un corretto posizionamento delle scapole.

 

La  linea di intestino tenue che scorre lungo la scapola (clicca qui per scoprire di più su questo meridiano, incluso il suo percorso) la tiene in posizione fisiologica. Intestino tenue significa Fuoco ed è connesso al cuore. I punti da 9 a 15 del suo percorso (come in figura) sostengono la scapola e lasciano il Fuoco divampare verso l’alto (trapezio rilasciato) per nutrire lo shen (spirito e libertà emotiva, in questo caso). Essi sono la “linea della cura”, nel senso del prendersi cura degli altri e tenere il proprio Cuore aperto verso l’esterno. Soprattuto IT-9, che permette alla scapola di rilassarsi ed appoggiarsi sulla colonne vertebrale.

La scapola rilasciata sulla colonna e verso il sacro rappresenta la possibilità di dimostrare Amore per se stessi e gli altri, in un gesto molto semplice: abbracciare.

Quando si abbraccia se stessi, un cuscino oppure un proprio caro può accadere che le spalle vengano in avanti, le scapole si sradichino dalla loro posizione naturale e… il Cuore di chiuda. Infatti, questo organo di fuoco ha sempre bisogno di protezione (in questo caso, nascondere il petto ed allontanarlo da chi si abbraccia). A volte, però è bene lasciarlo dischiuso agli avvenimenti della vita.

Per abbracciare pienamente, con il Cuore rilassato, occorre porre attenzione all’equilibrio del punto IT-9 ed al radicamento delle scapole. Quando queste sono in posizione fisiologica si apre ed affonda leggermente il petto (proprio come recitano i classici del tai chi chuan) e si mostra il punto VC-17 (il centro del petto); inoltre, si usa la forza delle spalle che si abbassano per portare più vicino la persona che si sta abbracciando.

Ecco un splendido esercizio, da fare subito! Alzati ed abbraccia 8 persone differenti, ascoltando la tua apertura e l’energia che viene trasmessa attraverso questo contatto.

Abbracciare fa rilasciare le spalle e le scapole e può aiutarti a superare mal di testa, di saplle appunto, timidezza e mancanza di gioia ed entusiasmo nella vita.

E’ un esercizio di qi gong “contemporaneo”, ovviamente non spiegato nei testi classici, ma che favorisce indiscutibilmente il tuo processo di benessere interiore e… illuminazione!

Integrare se stessi e gli altri nell’atto magico dell’abbraccio: provalo adesso. Ne beneficiano le tue spalle, il tuo meridiano di intestino tenue e Cuore e… la tua consapevolezza interiore.

E ne beneficiano tutte le persone cui dimostri Amore.