La cistifellea in medicina cinese: viscere del mese

Nel 2016, il 29 novembre ha inizio il penultimo mese del calendario cinese. Il suo nome è “grande neve” ed è associato al viscere cistifellea, anche conosciuto come vescica biliare o colecisti.

cistifellea-viscere-mese-tao-roma

Cos’è la colecisti e cosa rappresenta

La colecisti giace all’interno del fegato e secerne al bile, indispensabile per la digestione, soprattutto dei grassi. Facilmente, un disequilibrio su questo meridiano porta a problemi digestivi e mal di testa. La maggior parte dei disequilibri è dovuta al ruolo che questo viscere ricopre negli importanti processi decisionali d ogni vita. Si dice: l’Imperatore comanda, il ministro programma e l’ufficiale realizza. Quest’ultimo ruolo è coperto dal nostro viscere del mese: esso si incarica appunto dell’azione, dove pensiero e parola sono del Cuore e del Fegato.

Scopri di più su questo viscere cliccando colecisti.

La relazione con gli altri organi

Infatti, se la vescicola biliare è le Mente razionale, allora l’intestino tenue è l’istinto emotivo. Sono entrambi indispensabili ed integrati in sede di realizzazione dei progetti (relazione cuore – fegato).

La gratitudine del Cuore è il nutrimento per vedere i propri sogni realizzati, per sentirsi in contatto con la propria missione personale. Scioglie i blocchi di colecisti, fluidifica l’azione e rende ogni cosa meravigliosa. Scioglie il ghiaccio arido della paura di non vedere i propri sogni realizzati. La gratitudine del Cuore è il sale per rendere saporito ogni progetto. Gratitudine, soprattutto, per il grande progetto universale che si svolge senza sosta e di cui si fa gioiosamente parte,

Troppo pensare, poco agire: un automassaggio
Auto massaggio

Auto massaggio

Quando si è indecisi, si ha paura che le cose vadano male o semplicemente si ha mal di testa, ecco un semplice esercizio per alleggerire il pensiero e provare un piacevole senso di fresca possibilità.

Si massaggiano entrami i punti VB-14, al centro dell’occhio sopra il sopracciglio, nella fossetta. Si può continuare il massaggio, lento e profondo, fino a quando si senta il collo che si rilascia o gli occhi diventare freschi, oppure per 3-4 minuti. Poi, con indice e medio si massaggiano i punti VB-13 e 15, contemporaneamente e su entrambi i lati, appena dietro l’attaccatura dei capelli per 3-4 minuti o fino a che si senta il cuoi capelluto che respira e si rilascia. Poi si possono fare 8 respiri attraverso la testa, immaginando i pensieri e le paure che vengono rilasciate dal cuoio capelluto e dai capelli ad ogni espirazione, come una nebbia grigiastra.

A questo punto si resta qualche istante a godersi la sensazione di spazio e….

Pronti all’azione!

Condivisioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

diciotto + nove =